fbpx

Macramè

| |

Macramé è un merletto creato secondo un’antica tecnica marinara con filati intrecciati e annodati tra loro, senza l’ausilio di aghi o uncini.

Precedentemente caduto nell’oblio più totale, solo da qualche anno questo tipo di lavorazione è ricomparso come novità conquistando rapidamente un posto importante tra i lavori femminili, grazie alla varietà di motivi che permette di eseguire e alla robustezza delle opere realizzate [1].

I motivi che compongono il merletto nascono infatti da una sapiente disposizione di nodi e avvolgimenti.

A seconda del diametro della corda impiegata, il prodotto della lavorazione è destinato ai più diversi utilizzi, dall’abbigliamento alla tappezzeria.

Il termine deriva dalla lingua araba mahramatun (fazzoletto) o da migramah (frangia per guarnizione), da cui vengono anche i termini turchi-ottomani mahrama e makrama (asciugamano o fazzoletto per il capo ricamato[2] che, come molte altre parole mediorientali, è entrato a far parte della lingua ligure importata dai marinai che dalle colonie oltremarine approdavano al porto di Genova o in qualche altro scalo della Liguria.

Questo merletto ha dato il nome al campo scout internazionale Macramé 2004 (con l’accento invertito) svoltosi in occasione di Genova capitale europea della cultura nel 2004

Richiedi informazioni sui prossimi corsi di Macramè!

Richiedi informazioni sul corso
Che livello hai di conoscenza della tecnica? *
WhatsApp chat
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: