fbpx

Elisabetta Mazzella

Fate, elfi e bamboline… il mio mondo in porcellana fredda!

Elisabetta Mazzella

Pagina Facebook

L’amore per le arti manuali l’ho ereditato sicuramente dalla nonna materna, in cucina oltre al classico forno aveva anche quello per la ceramica ed era più facile trovarla a stendere l’argilla che la sfoglia per le fettuccine.

Cavalletto, tele, colori ad olio e trementina insieme ad un’infinità di quadri, arredavano la sua casa.
Ero totalmente affascinata dal suo mondo. La sua mente era sempre occupata a progettare qualcosa di nuovo, esattamente come la mia quando penso alla porcellana fredda.

Ho conosciuto questo materiale trent’anni fa, da una collega argentina, ma l’aspetto “plasticoso” non me l’ha fatta amare subito, preferii usare la pasta di sale, quella di mollica di pane, il das…..

Poi nel 2011 ho frequentato un corso dove ho conosciuto grandi artiste della porcellana fredda, ai loro fiori mancava solo il profumo e ne rimasi incantata, quella pasta povera con l’aggiunta di altri ingredienti si era trasformata in un materiale malleabile e duraturo, favoloso per la modellazione e  da cui sono nate le mie Bamboline….  tante prove… tante ore di lavoro e tanta dedizione mi portano ad amare ognuna di loro.

WhatsApp chat
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: